Real Estate NewsLetters Archive

Il 2016 non stravolgerà il mercato immobiliare nel sud della Florida

Secondo quanto emerso da un’indagine effettuata intervistando i 100 migliori imprenditori edili, agenti immobiliari, investitori, istituti di credito e costruttori, gli operatori del mercato immobiliare si aspettano che il 2016 sarà un buon anno per il sud della Florida, nonostante il rallentamento delle vendite e i guadagni nel mercato dei condomini.



Sembra esserci un consenso generale sul fatto che le cose stiano proseguendo più o meno nella stessa direzione del 2015. Molti si stanno chiedendo se siamo in una bolla e se ci stiamo dirigendo verso un crollo. Ma non sembra essere cosÌ.

Circa il 42% degli intervistati sostiene che il 2016 sarà migliore del 2015, mentre il 37% crede che non ci saranno cambiamenti nel mercato. Solo il 13% si aspetta un anno peggiore per alcuni versi.

Il motivo per cui la crescita non andrà alle stelle? Le economie dell’America Latina e dell’Europa, in difficoltà, stanno ostacolando gli investimenti stranieri che erano soliti alimentare il mercato immobiliare del sud della Florida dai tempi della recessione, in particolare il nuovo mercato dei condomini, che rappresenta uno dei fattori chiave nella crescita dell’economia locale (anche le case unifamiliari vengono vendute velocemente perché l’inventario è piuttosto ridotto.

Più del 60% afferma che le condizioni economiche globali e l’incertezza sono il principale motivo della loro mancanza di fiducia nel mercato. I risultati rivelano inoltre che le imprese edili hanno in programma di diversificare e non solo di costruire nuovi condomini, il cui sviluppo dovrebbe produrre i più alti ritorni nel 2016, seguito dal settore alberghiero e del commercio. Questo rappresenta già un cambiamento interessante rispetto all’anno scorso.

Per il momento, si ha quindi la sensazione che molte altre aree siano destinate a decollare e che assisteremo ad una maggiore diversità nel mercato.