Real Estate NewsLetters Archive

Previsioni 2016: non c’è motivo di preoccuparsi nel sud della Florida

Molti esperti di immobiliare sono d’accordo sul fatto che, nonostante il rallentamento delle vendite e l’ovvio aumento dei prezzi osservato nel mercato dei condomini, il 2016 dovrebbe essere un anno forte.



Perché? Secondo un sondaggio che ha coinvolto 100 investitori, agenti immobiliari, creditori, impresari edili e costruttori, il 2016 sarà un buon anno.

Alcuni segnali generali del rallentamento dovrebbero continuare a seguire le stesse tendenze del 2015, compreso l’aumento dei prezzi. Non ci sono ancora segni di bolla, né di crollo o collasso. Gli investitori restano fiduciosi.

Il 42% degli intervistati crede che il 2016 sarà meglio del 2015 in termini di volumi delle vendite. Un’alta percentuale pensa sempre che non vi saranno cambiamenti da un anno all’altro, ma solo pochi sono pessimisti.

Perché la crescita non sarà molto elevata? Perché le economie dell’Europa e dell’America Latina in crisi stanno ostacolando i capitali stranieri che erano soliti alimentare l’immobiliare del sud della Florida fin dall’ultima crisi. Il nuovo mercato dei condomini in costruzione è uno dei maggiori fattori locali che guidano la crescita. Inoltre, le case mono-familiari vengono ancora vendute come il pane perché l’offerta è inferiore alla domanda.

Infatti, nel sondaggio condotto da Berger Singerman, il 60% ha parlato di incertezza a livello mondiale e di queste condizioni economiche globali come principale motivo per cui gli investitori hanno una mancanza di fiducia nell’immobiliare. Le imprese di costruzione hanno in programma di diversificare, e non solo di costruire condomini. Le costruzioni di condomini dovrebbero produrre i più alti ritorni nel 2016, seguite dagli hotel e dal settore alberghiero o dal commercio al dettaglio. Questo rappresenta un interessante cambiamento .

In conclusione, non preoccupiamoci troppo riguardo al 2016. Stiamo sicuramente assistendo ad una maggiore diversità nel mercato e vi è la sensazione che anche queste aree siano destinate a decollare.